Lady Rose

Nel vento d’autunno risorgi,
Come la foschia delle vaste pianure,
Nelle notti di luna il tuo canto
Si spande, tra i rami e le acque pure,
E ti ascolto nel mio silenzio piu’ interno
Oh Lady Rose, signora del gelo d’inverno.

Ove posi il tuo sguardo
Tutto brilla d’ un bagliore profondo,
Ove le tue vesti accarezzano
Rubo il ricordo che’ caduco al mondo,
Poiché inebriante è il tuo denso profumo
Ma come te, Oh Lady Rose, son semplice fumo.

Attratto lo sguardo rivelò che nel freddo
Trovai Amore, Memoria e Rispetto
Ma dimenticai la mia vita mondana
E mi persi tra i ghiacci della tramontana…
Ora son vento, luce e tempesta
E tu sei ombra, neve e foresta, e
Uniti per ciò che da sempre bramiamo
Mi fondo con te lungo il cielo lontano…

Lord Hol Napult
(Notte, li 14/Gen/2002)

-The Dark Drawer-
“Dalle riflessioni sull ‘ IMOS_”