Crea sito

Archive for giugno, 2015

TelefonoAllaGuida2(Play audio for full immersion reading)

“Ciao Jenny, sono io. Ascolta, va bene se passo a prenderti alle 21 che andiamo al Bold Bay stasera? ….Si dai passo subito dopo che ho finito di truccarmi. Ti mando un WhatsApp appena sono in macchina ok, cosi ti prepari in strada…ah esci con Pierre stasera? Ok, ascolta, esci pure con lui se vuoi, oppure ci becchiamo là se passate ok? Ah bene perfetto… allora ci vediamo là”

Whatsapp: “Kika, Jenny si fa trovare al Bold Bay col moroso… Se vuoi ci si vede là ok? Io arrivo alle 21 circa. Sono quasi in macchina…”
Whatsapp: “Ok Kika, a dopo allora…baci baci”

“Cavoli dove e’ il rimmel.. eccolo! Devo sbrigarmi sono quasi le 9 e non sono ancora partita. Ecco fatto. Ciao ma’, ci vediamo dopo… Sì torno presto, prendo io la macchina.”

GHJGHJGHJGWHHROOMM WHROOOM….

“Ok devo scheggiare ora. Cavoli pioviggina… ma chi e’ questo imbecille? Spostati!”
WRHOOOOM…
E’ meglio se mando un messaggio alla Kika cosi la avviso che sono un attimo in ritardo…”
Whatsapp: “ciao, arrivo … tra quacjh <<< quaassl <<<”
WHROOOM… WHROOOM… Tsoc!
“oh.. ma cosa è stato? Devo aver preso un sasso…”
Whatsapp: “…qualche minyto, ciao ”

“Uffa ci mancava la colonna al semaforo. Ma qui non passa mai nessuno! Ok, avviso anche Jenny..
Whatsapp: “io sono a 10 minuti… voi dove siete…”
PEEEEEEEEEEEEE PEEEEEEEEE!!
“Eh un attimo fi!! Ho visto che è verde adesso vadooo! Ma te guarda sto imbecille…”
“Ok un rettilineo… ah si.. voi dove siete “?”. Invia.”

“Ok, fatto, speriamo che risponda presto, non ho voglia di stare al parcheggio ad aspettare come una cretina…”

WHROOOM… WHROOOM…
ting”!

“Oh ecco, vediamo chi mi ha risposto..”
“Kika: ciao, scusa ma stasera non ho voglia di uscire, magari ci sentiamo alla prossima. sorry.”
WHROOOOM…
“Ma dai fischia.. la solita sfigat… aaaaaah!! SKIREEEGGH!
“Caspita ma cosa ci fa un cane per strada! Quasi mi sfonda la macchina, fortuna che ho sterzato in tempo… uff!”

“Cavoli poteva andare peggio. Ok, adesso pero’ devo sbrigarmi e’ veramente tardi…”
ting”!
“Ah, speriamo sia Jenny.. infatti…”
Whatsapp: “Ciao, io sono in viaggio. Arriviamo a minuti.. forse :)”

“Cavoli adesso c’è il rischio che vada la come una sfigata da sola… adesso cosa faccio? Vabbèh.. ormai sono qui a 200 metri. Cerchiamo un parcheggio… si va beh, il solito pienone. Parcheggerò dall’altra parte della strada.. almeno li lo trovo.”

WHROOOM…WHROOO HIIIICK. WHROOO… HIIIICK.

“Ecco, qui dovrebbe essere buono. Hah! Sono anche nelle righe.. ma chi sono?”

“Ok dai, mi avvio all’ingresso dovrebbero esserci se non sono due infami. Io intanto mi avvio, devo solo attraversare il provinciale … cavoli ma piove, fammi prendere l’ombrellino che ho nel baule. Huuu.. veloce veloce… eccolo finalmente.”

Toc toc toc toc toc toc…
“Ecco, quello al di la della strada e’ il bar… mmm li non ci sono, fammi vedere se sono arrivati…”
Whatsapp: “ciao Jenny…”
Toc toc toc toc toc toc…
“…dove caxxo sie…”

whrooom whROOOOM SKRIEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEEKKK!! aaaaaaaaah!” SBAAM!

aaaahi.. aaahii… aaaaah… aiutooo… aaaah aaaaah aaaaaah!”

Il quotidiano della Domenica:
Tragico bollettino sulle strade italiane, anche questo week-end hanno perso la vita 10 ragazzi tra i 16 e i 30 anni. Numerose anche le segnalazioni di incidenti con feriti gravi pervenute alle forze dell’ordine ed alle ambulanze locali. La strage estiva non sembra avere fine nemmeno dopo la campagna di sensibilizzazione promossa dalle organizzazioni di volontariato locale, mentre 3 comuni sui 7 coinvolti hanno già indetto la giornata di lutto prevista nei prossimi 15 giorni per commemorare le giovani vittime e riflettere sull’accadut

ambulanza

incidente-stradale-4f393a4ef3e22

 

Non Usare il Telefono al volante. Non usarlo Mai.

 

ps: ogni riferimento a persone, luoghi o fatti realmente accaduti è da ritenersi puramente casuale.

_Lord Hol Napult_

123b

(Play audio for full immersion reading)

Rieccoci ad un’entusiasmante ricetta casalinga a lungo attesa soprattutto sulle cime dell’Himalaya, nei ghetti del Bronx e nei dintorni di Honolulu.

In questa esilarante blog-puntata creeremo la nostra prima marmellata, che puo’ essere di frutti variegati, ma che in questo caso è orientata alle ciliegie. Come ben sapete infatti gli alberi di ciliegie producono chili e chili di frutti lucidi e prelibati, con una piccola clausola: crescono tutti insieme e marciscono in 10 giorni.

Di fronte a questo effetto fulminante che sbalordisce in un primo momento e rattrista in un secondo momento, cercheremo in inserire un terzo momento… il nostro momento. Quello che voglio dire è che nessuno sano di mente si alzerebbe la mattina con la voglia di fare la marmellata a meno che si trovi nella situazione di avere un sacco di ciliegie e non sapere come dargli vita “eterna”. Le strade sono semplici: mangiare 10kg di ciliegie in 1 settimana e visitare il wc spesso e volentieri, oppure fare la marmellata e godersela nei mesi a venire, pur utilizzando prodotti del tutto naturali…  Se invece non avete chili di ciliegie in questa situazione, non fatelo, compratevi una marmellata in negozio. Il gusto non sarà esattamente lo stesso, ma non venite a fare i fini proprio ora… vi ho visto nei Take And Go con doppi cheese-burger e patatine fritte…

Ok. Passiamo all’azione. La marmellata di ciliegie richiede i seguenti componenti:

Obiettivo: 8 vasetti circa di marmellata.

Impiego richiesto

  1. Tempo di preparazione: 4 ore
  2. Ciliegie fresche (non pulite): 2,5 kg
  3. Zucchero: 1kg
  4. “Fruttapec 2:1 Cameo(tm)” o equivalente: 2 buste
  5. Vasetti vuoti, Tappi e Adesivi per vasetti: 10
  6. Pentole: 2/3
  7. Mestoli di legno: 2
  8. Taglieri di legno: 1
  9. Guanti in lattice: 1 paio
  10. Coltelli, asciugamani, pattine anti scottamento, tagliere
  11. (Molto consigliato: Denocciolatore per ciliegie – vedi aggeggio bianco nelle foto).
  12. (Molto consigliato: Imbuto per vasetti a buco largo – vedi travaso).

 

Fase 1  – preparare i vasetti

11

Radunare i vasetti di vetro e  immergerli nelle padelle piene di acqua. Fare bollire tutti i vasetti per almeno 30 minuti, in modo da renderli transgenicamente super disinfettati.

Questa noiosa operazione da il via, ma mentre bollono si possono effettuare anche le altre fasi…

Una volta disinfettati i vasetti disporli a lisca di pesce ad ascigare su un panno lasciandoli in obliquo sul mestolo, in modo che il vapore si disperda.

25

I tappi acquistati sono già sterilizzati nel caso farli bollire insieme ai vasetti.

13

Tip: Per estrarli senza ustionarsi usare una pinza e una pattina di silicone.

20

Fase 2 – Preparazione delle ciliegie

Le ciliegie, questo sublime frutto consegnatoci dagli Dei e decantato in svariate litografie e testi sacri, è ora alla nostra mercè per farne una poltiglia gelatinosa e viscita, appiccicosa al tatto e dolce all’inverosimile… ehm.. ok , per fare la marmellata.

30

Procedere alla pulizia delle ciliegie rimuovendo foglie, e ciliege marce o acerbe.Quelle “approved” vanno diritte nel catino di acqua fredda per un lavaggio veloce. Subito dopo vanno tolte con le mani e riposte in una vaschetta pronta per i prossimi trattamenti.

40

Il prossimo passo consiste nel prendere la ciliegia, rimuovere il picciolo verde e rimettere la ciliegia in un altra vaschetta.
Se pensavate che fosse divertente… bhe, non lo è.

50

Ora è il momento della denocciolatura. Se avete super-denocciolator-2000 buon per voi. Lo strumento è reperibile nei migliori negozi pagando una cospiqua tangente al commerciante che ve lo venderà sottobanco. Questo strumento non è comunque efficiente al 100%, direi piuttosto al 70%, per cui se non lo avete passate alla fase dopo. Il nocciolo va tolto in ogni caso…

Il risultato finale finora raggiunto dovrebbe essere una vaschetta di ciliegie mature, lavate e denocciolate come in foto.

60

Procedere ora a tagliare a metà ogni ciliegia, procacciandovi dei guanti in lattice se non volete trovarvi le mani colorite.
Se trovate noccioli vanno rimossi. Se avete saltato la procedura di denocciolamento, vanno rimossi tutti i noccioli. Se pensavate che i noccioli non fossero da rimuovere, stavate errando per terre fallaci. I noccioli vanno sempre rimossi. Se per sbaglio un nocciolo vi scapperà dalla vista, e si inoltrerà nella successiva poltiglia bollente, lo troverete a galleggiare nelle fasi finali.

70Comunque sia, tagliate a metà le ciliegie e buttate nella padella di acciaio. Usando una bilancia elettronica riempite la padella con 2 kg di ciliegie. Come si fa? Appoggiate la padella sulla bilancia elettronica, settate il reset, quando la bilancia da zero (con sopra la padella) riempite con 2 kg di ciliegie. Lo dico per i più profani del mestiere. Ora rileggo, in quanto nemmeno io lo sapevo.

75

Fase 3 – La Padella della Marmellata

85

Ora dovremmo avere una padella con 2 kg di ciliegie dentro. Bene, rovesciamo anche 1 Kg di zucchero e 2 buste di fruttapec. Mescoliamo il tutto fino ad amalgamare. Significa che la frutta e il colore rossastro avvolgeranno e assorbiranno zucchero e fruttapec.

Da ogni pentola usciranno circa 8 vasetti di marmellata liquida.

90

Ora possiamo mettere la padella su fuoco medio. Attenzione, quando inizierà la bollitura potrebbe sgorgare schiuma da tutte le parti.

A quel punto abbassare la fiamma e procedere con il cucchiaio di legno mischiando il liquido schiumoso per circa 30 minuti. Tenere la padella sotto controllo durante questa fase, perchè anche se l’avete riempita fino a metà avrà una ebollizione.. spumeggiante!

95

Tip: posizionare un cucchiaio di legno appoggiato su 2 bordi della padella puo’ ridurre il rischio di straripamento della schiuma. Provare per credere.

92

Dopo 30 minuti di ebollizione, siamo pronti per il travaso.

Se siete particolarmente imbranati o previdenti, dipende da voi, tenete un secchio di acqua gelida accanto al lavandino. In caso di ustione potrete sempre tuffarvici dentro e salvare il salvabile. Secure First!

Prima di travasare potete rimuovere con un cucchiaio la schiuma rosa in superficie e buttarla via.

Poi disporre accanto alla lava bollente i vasetti girati aperti e predisposti al travaso. Se avete un imbuto per vasetti (costa 2 euro nel 2015) vi eviterete spiacevoli inconvenienti tra i quali: mancato centramento della marmellata nel vasetto; problemi di chiusura per marmellata sul filetto; scottature per operazioni manuali; varie ed eventuali.

100

Insomma, compratevi l’inbutino apposito e travasate con un mestolo il brodo rosso e incandescente dentro ai vasetti super disinfettati. Fatene uno alla volta, riempite fino al bordo inferiore e chiudete il vasetto subito dopo con un coperchio preventivamente preparato.Utilizzate pattine di gomma per non ustionarvi nel chiudere.

110

Otterrete quindi i vostri primi vasetti di pseudo-marmellata incandescente, in attesa di raffreddare. Puliteli esternamente con una spugna umida ed appoggiateli su dei grossi taglieri, girandoli al contrario per circa un’ora.

120

Dopo di che rigilateli diritti , applicate l’etichetta con la data di oggi e il tipo di marmellata, e portateli in cantina!

Conclusioni

Ora che tutto è stato fatto, non vi resta che pulire, rassettare e lavare ogni cosa. Ve l’avevo detto che era meglio comprarla in negozio ma non sono stato ascoltato a sufficienza. Comunque sia grazie per la divertente lettura, è stato piacevole indottrinarvi su queste esperienze caserecce che trasformano la digitalità in rusticità, o qualcosa del genere.

Ho forse dimenticato qualcosa? Ma certo! La marmellata va consumata entro 365 giorni dalla sua creazione, prolungando così la vita delle vostre ciliegie di 355 giorni. E sarà persino buonissima o utilissima per regali.

TIP: non dite a nessuno che avete fatto la marmellata, vi chiederebbero un vasetto a testa senza sapere ne comprendere il costo in termini di lavoro e ingredienti, tutt’altro che trascurabile. Fate finta di nulla e tenetevela per voi 😉 !

Alla prossima!

123b

_Lord Hol Napult_

Translate »