Ave cibernauti dal sangue androidiano e iphoniano. Questa volta ci dobbiamo purtroppo cimentare nell’emergenza moderna e tipicamente modernizzata di elusione di tecniche di inbigottimento dei virgulti ingenui da parte di spietati e scrupolo-esenti malfattori cinesi.

Se anche voi non vivete in un caminetto spento del dopoguerra e negli ultimi anni avete, anche solo per una volta, fatto due passi nell’era della globalizzazione e del mercato libero, vi sarete sicuramente imbattuti in qualche mercato simpatico e divertente come quello cinese.

Attraverso il portale di WISH.COM e relativa applicazione per cellulari, una linea diretta con l’oriente si apre subito ai vostri occhi. Con questo post non si dirà che ogni acquisto fatto su tale portale risulti contraffatto o deludente, anche perchè il team è molto reattivo sul rimborso e la fidelizzazione dell’utente e gli articoli sono migliaia. Semplicemente ci concentreremo sulla brutta esperienza di acquistare (o meglio se siete in tempo sul “NON ACQUISTARE”..) le memorie SD vendute da tale portale.

Cosa scusa? Che articolo?

Come detto, oltre a migliaia di articoli di vario genere, alcuni dalle discutibili intenzioni, vi sono le comunissime memorie SD, o micro SD, o anche USB. Insomma, degli storage da utilizzare in cellulari e videocamere come se ne vedono da decenni.

Non vorrai dire che sono contraffatte?

Si. Vediamo subito come è organizzata la truffa…

Dal portale sono acquistabili liberamente le micro secure digital a tagli spropositati, come per esempio 32, 64, 128, 256, 512 (!!!) e persino 1024 Gb (GigaByte!). Ad oggi (2018) una memoria del genere viene vendura su siti normali a prezzi che vanno dai 35$ ai 250$ per i tagli maggiori. Su questo portale (Wish) invece si trovano alla fantomatica e invitante cifra di massimo 15$. Come è possibile?

Semplicemente facciamo un esempio: comprate la memoria del taglio che volete, la pagate, e correttamente vi arriva a casa. Poi la inserite nel computer attraverso un adattatore e verificate che la dimensione è effettivamente quella indicata (256Gb per esempio). Infine la togliete, la inserite nella vostra fotocamera e iniziate a fare foto. Le foto si salvano correttamente e voi siete felici. Tornate su Wish.com e contenti del vostro acquisto mettete 5 stelline e un sacco di complimenti…

Virgulti!!

Credete forse di vivere nel paese dei balocchi o che biancaneve vi venga a svegliare ogni mattina con cappuccino e brioches? Credete che scorreggiando viaggerete nello spazio-tempo fino alla destinazione desiderata passando per laghi montagne e nuvole? Credete che in Cina si prodighino per la vostra digitalizzazione a costo zero!?

Se si, buon per voi, ma in questo caso continuate a leggere per onor di cronaca, e soprattutto perchè perdere le foto della vostra vita è una delle cose più infime che vi possano capitare…

Scusa, ma io leggo 256Gb sul PC!

Purtroppo per te i cinesi non sono gli ultimi arrivati. Nella loro contraffazione attuano 3 accorgimenti specifici:

  1. La memoria viene stampata con loghi originali di famose case e con la dimensione richiesta, e come aggravante, con caratteristiche di classe davvero invitanti, come ad esempio la classe U1 (trasferimenti da 10Mb/s) o U3 (..e da 30 Mb/s, usato per videocamere 4K per esempio).
    Questa è però solo la “copertina del prodotto”…
  2. Le memorie vengono corredate da una confezione spesso molto simile alle confezioni di memorie vere, come questa, ma priva di loghi originali come Verbatim o Toshiba o altro….
  3. In qualche modo le memorie vengono flashate internamente per sovrascrivere il registro che ne indica la dimensione. Di fatto non significa che abbiano celle a sufficienza per quella dimensione, ma che l’indice di riferimento viene impostato con quella dimensione. Uno schema di una memoria mostra infatti i vari componenti che la interfacciano ai PIN di contatto…Lo storage effettivo è ottenuto dalla quantità di celle nel settore “Memory Core” e non dall’indicazione del registro che le indirizza…

Ma che dici, la mia memoria funziona!

Escludendo che tu stia parlando delle tue capacità di ricordare fatti ed eventi, anch’essa dubbia visto tutta la birra che bevi, ecco invece come capire se sei anche tu vittima di un raggiro.

Uno dei modi per verificare se la memoria è di capacità inferiore a quanto dichiarato è verificare il sotto della memoria stessa. I cinesi non ci badano sempre, e se riuscite a leggere il numero piccolissimo e scolorito sotto alle memorie noterete dei caratteri alfanumerici. Nel 99% dei casi alcuni di essi indicano la dimensione specificando un numero e poi GB. Provare per credere… purtroppo non sempre si leggono.

Ma cosa è successo, la mia memoria da 256 Gb sembra essere una memoria da 16 Gb!?

Il secondo modo per capire la reale capacità della memoria è eseguire un test con un programma specifico. Ce ne sono vari, io vi consiglio questo gratuito e privo di installazione (portable):

Attraverso questo genere di programma potrete riempire e verificare la memoria con dati fittizzi. Se la stavate usando archiviate subito su un computer tutto quello che contiene e seguite questi passi:

  1. Formattare la memoria con NTFS o FAT32. Per esperienza personale sembrano essere 2 formati che riempiono progressivamente la memoria, ma non ho documentazione a riguardo. Sembra che le celle non vengano allocate a caso sulla superficie, ma restino raggruppate progressivamente all’indirizzo iniziale. Io consiglio NTFS.
    Per formattare usate FILE EXPLORER, tasto destro sulla memoria e infine FORMAT.
    Prestate molta attenzione a non formattare delle unità che non siano la memoria SD in esame!
  2. Ora siete pronti per il test. La memoria vi diceva essere una U1 o U3 da più di 10Mb/s di scrittura. Vedrete come invece scriverà a ridicole velocità, anche inferiori al 1Mb/s. Copiate nella memoria il software sopra indicato e avviatelo, usando l’opzione scrivi e verifica. Potrete creare anche una sottocartella per tenere i file fittizi organizzati… ma è opzionale.
    Come quantità di file mettete pure 20.000. Tanto arrivati a 16 Gb avrete l’errore che non vi aspettavate…
  3. Se la memoria non da errori siete fortunati, ma non credo che l’abbiate presa su Wish a 10$. Se invece la memoria darà l’errore a circa 16Gb allora dovrete correre ai ripari!

Mannaggia! Ho ottenuto l’errore di scrittura a 15gb! Ora che faccio?

Beh, per prima cosa insultati un attimo per essere stato cosi ingenuo. Secondariamente condividi questo post, magari eviti la scocciatura ai tuoi amici. Scocciature a parte vediamo come correre ai ripari.

Se l’acquisto è fresco la cosa da fare subito è richiedere un rimborso a Wish.com. Nella mia esperienza sono stato rimborsato interamente senza problemi, e siccome ero recidivo, la cosa è avvenuta 2 volte.

Se invece siete fuori tempo potete già gioire del fatto che non perderete tutti i dati per aver usato la memoria oltre la dimensione consentita. Infatti eccedere quella dimensione avrebbe comportato la perdita potenziale anche dei dati già scritti! E’ una fortuna quindi che siate qui ad indagare…

Ok. I dati sono salvati. Cosa me ne faccio di questa memoria ora?

Se il cestino è comunque un’opzione sconsigliabile seguite le mie indicazioni. Avete testato quanto è la dimensione “affidabile” della memoria, usando il software sopra. Cercate ora un software di partizionamento della memoria.

Io vi consiglio Mini Tool Partition Wizard versione gratuita. Ce ne sono anche altri e potete usarli alla stessa stregua. Quello che faremo ora è formattare la memoria e ridurla di dimensione con il software partizionatore. In questo modo una volta inserita in un dispositivo potrete vedere solo i Gb realmente utilizzabili.

Abbiamo quindi l’informazione dei Gb affidabili. Togliamo senza remore 1 Gb da quel valore e:

  1. Formattiamo la memoria.
  2. Ridimensioniamo 1 partizione primaria a 15.000 Kb (circa 14,5Gb), mentre il resto rimarrà “disallocato”.
  3. Riformattiamo la memoria FAT32, per garantire la massima compatibilità con ogni videocamera o fotocamera.
  4. Potete anche formattare direttamente dalla videocamera in un secondo momento, in modo che se la configuri in modo idoneo…

Il risultato finale sarà circa questo:

Per essere sicuri al 100% un altro giro completo con LHN’s Memory Verifier vi dirà se ogni cluster che avete lasciato disponibile sarà scrivibile. In caso di altri errori diminuite ancora la partizione, ripetendo da capo i 3 punti sopra.

Il consiglio generale per memorie contraffatte, ripartizionate e poi riadattate per essere comunque utilizzate è quello di NON USARLE CON DATI SENSIBILI E IMPORTANTI. Tradotto in gergo, potete metterci su gli Mp3 per l’autoradio, o magari copiarci qualche film per il tablet delle vacanze, ma il vostro database delle fatturazioni e le password di tutta una vita sopra queste memorie è meglio non mettercelo.

Questo è quindi tutto, e se non siete maligni forse è meglio che informiate anche i vostri amici, visto che la Cina è Vicina

Per la cronaca, voglio proprio vedere da dove arriva la mia memoria, apriamo un secondo Google maps visto che il pacchettino riporta bene l’indirizzo…

Mah.. lasciamo perdere! Grazie per la lettura… puoi ora tornare a sopravvivere nel caos, Virgulto!

_Lord Hol Napult_