Crea sito

Archive for the ‘ Windows XP ’ Category

disco_foto_1

Ci sono cose che chiedono un minimo di impegno ma garantiscono un approccio molto user-friendly una volta completate. E’ il caso del trucchetto che vi spiegherò adesso, ossia la possibilità di associare una icona ad ogni driver del vostro hard disk.

Essendo una particolarità che ho scoperto per caso, presumo che ci possano essere anche metodi più approfonditi o addirittura migliori per fare ciò che vi dico, ma questo è e resta un metodo SEMPLICE, MANUALE, e che richiede solamente qualche buona icona.

Partiamo dall’inizio… un disco con varie unità e’ il requisito principale (vedi foto).
Anonimo e caotico vero ?!?

Ora è necessario ottenere un pò di icone. I file sono: “.ICO”.
Io vi consiglio questo pratico programma freeware che consente di analizzare le vostre cartelle e trovare delle icone che già possedete, senza doverle cercare su internet:


Icon Extractor
http://www.nirsoft.net/utils/iconsext.html

disco_foto_2_iconextractor
Quando scegliete un icona, cercatela ad alta qualità se possibile (non tutte sono così) in quanto col passare degli anni le icone diverranno sempre migliori sui vari sistemi operativi, e la vostra associazione mnemonica, ad esempio, tra il disco di Backup e un’icona a forma di lucchetto, vorrete mantenerla!

Ok!
Una volta ottenute le icone che vorrete associare alle vostre unità disco o partizioni, si passa alla fase 2: Associare le Icone alle Partizioni ! 🙂

Quello che dovete fare ora e’ creare con un semplice notepad.exe il seguente file, chiamandolo :

Autorun.inf

[autorun]
Icon=NomeIcona.ico

Questo file probabilmente lo avrete già visto. Si trova in tutti i cd di videogames da anni ormai. Permette di eseguire il programma predefinito una volta inserito il CD nel lettore. Comunque sia, tra i suoi parametri accetta anche l’icona che deve assumere il lettore cd a seconda del videogame che avete inserito. A noi non interessa auto avviare un programma, pero’ interessa associare l’icona. E’ da qui che ho preso spunto.

Tutto ciò’ che dovete fare ora e’ inserire nella Root di ogni unità ( la root e’ la prima cartella di volume, anzi, la prima cosa che appare quando aprite un disco con il doppio click.) il file indicato con l’icona che avete scelto. Ovviamente NomeIcona.ico va sostituito con il nome dell’icona che avete scelto.

Fate la stessa cosa per ogni unità selezionata, e poi Riavviate il sistema e il gioco e’ fatto!!!

disco_foto_3
Tutto qui ?
Si. Solo un appunto.

In Windows Vista la protezione è diventata un’esigenza prioritaria, per far si che utenti sbadati non sovrascrivano file importanti. Questo vale anche per la Root di Windows Vista. Allora fate prima il file su un disco USB, predisponendo icona e autorun.inf, poi copiateli nella root di Vista con privilegio di Amministratore.

Inoltre capirete da voi che utilizzare questo trucchetto per le chiavette USB le rende di facile identificazione molto prima che non leggendo le cartelle. Specie se uno dispone di molte chiavette uguali in forma e dimensione (fisica in questo caso 🙂 .

Bene! Spero di essere stato utile… dopo tutto il bottone Donazione e’ li apposta 🙂 ahahah!!
Hail to the King, baby!!

Lord Hol Napult

PHTO0004

C’era una volta windows ME, che non voleva saperne di passare un anno tutto intero; la sua abitudine principale era quella di corrompersi. Troppo altruista ME, un vero signore a dire la verità. Chiedeva poco ma si scottava.

Fu così che decisi di ripristinare il mio pc, ormai ridotto a swap continui, applicazioni che non andavano, cartelle trasformatesi in random bits incomprensibili e il rischio di perdere tanti tanti dati importanti… se poi alla fine non sono davvero importanti uno lo scopre dopo lo spavento.

Un anno fa fallii nel tentare di unire windows ME ad Xp sullo stesso hard disk, ma fu una sfida che non mi convinse… avevo sbagliato qualcosa. Giurai di averle provate tutte ma il mio errore era sistemico: scarsa confidenza con i parametri di formattazione.

Quest’anno 2008 il caso si e’ riproposto ma ero forse più agguerrito.
Ho utilizzato un partizionatore open source fatto veramente bene che quindi vi consiglio:
Gnome Partition
http://gparted.sourceforge.net/

Con questa utility Open Source (freeware) si può frammentare un hard disk in più parti, di modo che otteniate come risultato più lettere Drive (es: C: D: E: F: … )

PHTO0006
Ad esempio Windows Me, che legge solo formattazione FAT32, non vede piu’ di 130 Gb. Partizionando un hard Disk da 150 Gb si puo’ utilizzare tutta l’area di memoria senza sprechi inutili.

Io ho deciso cosi:

  • 20 Gb FAT32 (destinati a Windows Me)
  • 50 Gb FAT32 (destinati a Windows XP)
  • Resto FAT32 ( destinati a dati condivisi, come Mp3, Film o altro).

Ma che cosa manca per poter utilizzare un hard disk come sistema operativo di avvio ?
E’ qui che ho sbagliato un anno fa’…. Ogni formattazione ha dei Flag che rendono tale unità effettiva per l’utilizzo.
Gnome Partition mi sezionava correttamente l’hard disk, ma trascurava di dirmi che dovevo impostare i seguenti flag, necessari per il corretto funzionamento :

  • Bootable (almeno per l’unità C:)
  • LBA (per tutte le partizioni – Gestore di indirizzamenti sopra i 500 Mb )

Devo dire che alla fine il risultato appaga non poco… Windows XP e’ ottimo per la rete e internet, mentre su Me ho praticamente un sacco di vecchi programmi che mi dispiacerebbe perdere.

Alla fine si tratta solo di un Pentium3 da 800Mhz con 500Mb di RAM… ma tutto gira correttamente e quando e’ cosi una macchina rinasce.

Ora pero’… e’ tempo di cercarmi un nuovo PC. E’ in arrivo “Mass Effect” 😉

Hail to the Smanettons!

Lord Hol Napult

Translate »