Crea sito

 

TassazioneItaliana2016Buonasera lettori.

A lungo ho cercato per siti e forum le risposte al quesito che cercheremo di chiarire stasera. Finalmente ho ottenuto tutte le risposte che volevo basandomi sulla personale esperienza di un amico. Troppa teoria e formule astruse mi stancano e, probabilmente, stancano chiunque; cercherò quindi di fare un sintetico e preciso punto della situazione.

La domanda che si vuole risolvere è: quanto rende un investimento sicuro oggi attraverso linee vincolate a tasso garantito?

Nessuno di noi è nato manager e azionista, investitore incallito, o giocatore d’azzardo tra indici e tabelloni di Wall Street. Una buona parte delle persone ha compreso che il vero guadagno passa sia dagli interessi maturati, sia da una gestione a rischio bassissimo che ovviamente non impegna e non stressa, lasciandoci maggiormente liberi di gestire al meglio la nostra umile esistenza…

Attualmente il sistema di conti correnti non rende proprio nulla, e se consideriamo il canone mensile erode silenziosamente il nostro capitale senza offrire vere opportunità di risparmio.

Ci sono però soluzioni online che offrono la possibilità di spostare il denaro su un “deposito di risparmio” e quindi di vincolarlo per 3, 6, 12 o 18 mesi, ottenendo di fatto un introito garantito a fine vincolo.

L’esempio che mostro sarà quindi un prototipo di investimento standard:

  • Investimento a linea vincolata della durata pari ad 1 anno
  • Valore pari a 10.000€ (per semplificare i calcoli)

Partiamo dal frontespizio che è la percentuale “sbandierata” sulle homepage dalle varie banche:

  • 1,20% di interessi per 1 anno

Inizio dell’investimento:

Ora poniamo i nostri 10.000€ all’interno del conto deposito e vincoliamoli per 1 anno a questo interesse. Un secondo dopo che l’azione è stata fatta si innescano delle conseguenze fiscali che riepilogo, aggiornate al 2016 dalla Repubblica Italiana:

  1. Imposta del 26% sull’interesse maturato (ovvero i soldi che ricevete in più a fine anno) e minimo di 1€.
  2. Imposta dello 0,20% sull’intera cifra investita (ovvero i 10.000€).
  3. Varie ed eventuali.

 

Introiti:

Ipotizziamo che l’anno sia trascorso ed e’ tempo di ritirare i soldi vincolati, e quindi il mio investimento da 10.000€ ad un tasso di 1,20% dopo un anno produce un ritorno di 120€ lordi.

 

Calcolo delle Uscite

1) Imposta sull’interesse:

Prendiamo i nostri 120€ e calcoliamo la trattenuta del 26%: -31,20€

Il nostro guadagno inizia a decrementare da 120€ a 88,80€.

2) Imposta di bollo

Questa imposta si applica durante l’anno. E’ ragionevole associarla alla linea vincolata in quanto non ci sarebbe se non avessimo vincolato i soldi. Nella magistrale arte di confondere la gente è una imposta che si applica a tutto il capitale investito. Nel nostro caso ce ne freghiamo, ed estraiamo solo la parte che grava sui nostri 10000€ di investimento.

Quindi calcoliamo lo 0,20% di 10.000€: sono in realtà -20€

I 120€ iniziali, poi divenuti 88,80€, calano ora a 68,80€ a causa dell’imposta di bollo.

Aggiungo considerazione molto importante: l’imposta di bollo si applica ogni 3 mesi per quattro rate all’anno, a prescindere da qualsiasi vostro introito. Graverà nel conto corrente ma sarà legata all’investimento. Questo significa che quando scade la linea vincolata avrete già pagato 4 rate da 5 euro ciascuna, per arrivare ai 20 euro totali di imposta.

Attenzione: come accennato, se anche la vostra linea vincolata non produce alcun reddito (magari per un annullamento dovuto a necessità di denaro) questa imposta viene applicata. “Chi ha dato ha dato…cùmpà!”.

Questo è un punto importante in quanto voi risparmiatori pensavate di guadagnarci in ogni caso, oppure di non perdere nulla nel caso che la linea fosse annullata. Non è così! (*ndB – questa evenienza non è stata verificata, e mai cercherò di verificarla, ma sono oltremodo sicuro che l’imposta non faccia sconto alcuno se annullate il vincolo).

Il vostro investimento a rischio zero quindi non è a rischio zero. Le linee vincolate anche se dal lato bancario non vi costeranno nulla, sul lato “Repubblica Italiana” avranno generato un debito dovuto all’imposta.

Varie ed eventuali:

Come imposte abbiamo finito. Vanno inoltre decurtati dall’interesse eventuali spese per vincolare il denaro o svincolarlo, o movimentarlo dal conto corrente al conto deposito, o vice versa. Queste spese le tralascio in quanto se avete una buona banca online dovrebbe essere tutto gratuito. Diversamente sono da considerare nel calcolo della gestione. Io considero il conto corrente come inizio e fine della transazione, per praticità.

 

Calcoliamo infine il totale:

Ho vincolato 10.000€ per un anno all’interesse di 1,20% e maturato un lordo di 120€.

Ho pagato imposte dirette e indirette ovvero: -51,20€.

Dopo le varie imposte mi resta un interesse netto di: 68,80€.

 

Se ci guardate bene è quasi la metà!

In sostanza, quanto risulta essere un interesse lordo dell’ 1,20% ?
Secondo i miei calcoli è 0,688%
(che nell’esempio da 10.000€ e facilmente visibile anche dall’interesse netto: 68,80€).

 

Considerazioni italiane:

Non esiste un investimento a guadagno garantito e rischio zero. Lo stato italiano agisce con due strategie di imposta per estrarre elegantemente soldi al piccolo risparmiatore. Le banche dal canto loro sono 10 anni che non offrono conti correnti con un interesse utile (a meno di considerare 0,00001% un interesse). Anche vincolare in modo sicuro del denaro significa rischiare quanto meno l’imposta di bollo se l’affare non arriva in porto. Tenere infine i soldi sul conto corrente genera una imposta di bollo del conto corrente, parallela alle imposte del deposito (32 euro annui per soglie superiodi a 5,000€).

Come si può uscirne da un sistema del genere se non malconci?

Non posso comunque esimermi dal completare questa analisi grezza e semplicistica, ricordando che c’è un’ultima imposta da onorare: l’IVA.
Quindi, dei vostri 68,80€ pagherete nel 2016 in Italia un’Iva del 22%. Il commerciante che vi venderà un oggetto dovrà considerare che il prezzo del bene andrà aumentato almeno del 22% prima di generare un utile.

Se si pensa che vengono messi a disposizione del “sistema economico” 10.000€, per riceverne pochi di più dopo un anno, lascia rattristati e perplessi. L’alternativa azionaria prevede di avere rischi elevatissimi e richiede un vostro coinvolgimento mentale decisamente alto… chi lavora quotidianamente non può nemmeno permettersi di seguire le azioni e se può lo fa dal posto di lavoro…

Vi sono infine altri investimenti costosi e poco sicuri, oltre che posizionati in modo strampalato in un mercato che di trasparente non ha ancora nulla.

Mi auguro di aver chiarito tutto. Avrei preferito trovare l’analisi qui presente quando cercavo di capire anche io la faccenda dei piccoli risparmi. Concludo allegando delle schede di utilità che mostrano le previsioni degli investimenti a linee vincolate annuali e varie percentuali di interesse.

Buona analisi e in bocca al lupo, qualsiasi budget abbiate!

 

interesse0v75 interesse1v00 interesse1v20 interesse1v75 interesse2v00

PS: tutti i valori ed gli esempi sono a titolo dimostrativo; potrebbero contenere errori non voluti o imprecisioni, o essere soggetti a modifiche esterne delle regole che ne invalidano la reale utilità.

 

_Lord Hol Napult_

20160211_190726

(Play audio for full immersion reading)

Buongiorno giovani sopravvissuti al mondo, buongiorno residui bellici di una modernità farlocca ma intrigante, buongiorno giovani dal gusto caliente ma moderato, amanti del fast food e dei sapori decisi. Oggi presenteremo un prodotto giovanile quanto pratico da cucinare e gustoso quanto basta per dirsi sazi e vivacemente felici!

 

Ladies and Gentlemen…

la KebabPiada!

 

Precipitiamoci come falchi in picchiata verso gli ingredienti principali. Pochi a dire il vero ma questo è uno dei motivi che vi spingerà a provarla. Il secondo motivo è che le carni sono bianche e salutari, niente di comparabile alle oleose e putride poltiglie di cibo spazzatura che ingurgitate nelle ombre prima di fare i salutisti da salotto. Dovete infatti tenere conto che questo piatto se la cava egregiamente nei confronti di altri fast food per via di carni bianche e farine di grano duro.

Ebbene vi occorre:

  • Carne bianca Kebab di pollo, oramai acquistabile al supermercato e gia’ pronta per l’uso.
  • Un po’ di olio extravergine.
  • 2 piadine romagnole.
  • Del formaggio morbido e saporito, ovvero Asiago.
  • Salsa tartara.

Tempo: 15/20 minuti.

Da bere potrete associare vini di qualità o coca-cola. Chi se ne frega, chi se ne importa? A voi la scelta…

Fase uno

Con due padelle in contemporanea iniziate a cuocere la carne Kebab con un po’ di olio, in modo da scottarla ed abbrustolirla sugli angoli. Nell’altra padella invece scottate le piadine su entrambe i lati a fuoco più basso. In base alla fiamma questa fase durerà dai 10 ai 15 minuti.

20160211_190802

Fase due

Quando ritenete che la carne sia quasi pronta, tagliate 2 striscie di Asiago e iniziate a scioglierle sull”interno delle piadine. Ci vorranno circa un paio di minuti.

20160211_191200

Fase tre

E’ finita ragazzi… mettete i piatti accanto alle padelle e adagiate usando strumenti da cucina le piadine calde. Se avete la necessità di portarvelo via mettete prima della carta da forno sotto alla piadina. Prendete poi la carne riscaldata e versate in centro alla piadina metà porzione. Cercate di fare una riga che segua le fette di formaggio.

20160211_191635

20160211_191642

…mmm, non come in foto…

Fase quattro

E’ tempo del cucchiaino di salsa tartara in mezzo alla carne, adagiando almeno tre cucchiaini. Ora prendete i lati della piadina, che dovrebbero essere più morbidi di quando sono entrati in padella, e sovrapponeteli facendo un rotolo. Se volete fissate il tutto con apposito stuzzicadenti di classe!

20160211_191741

Fase cinque

Mangiare assaporando la strana linea illusoria che unisce i bolognesi con i pachistani in e il supermercato di fiducia. Ok, è veramente una strana linea illusoria… evitate di metterla a fuoco se possibile, e passate pure al buonissimo take and go che avete realizzato!

20160211_191908

Fast food in 5 step velocissimi!  Buon appetito!

_Lord Hol Napult_

Translate »